di Valentina Dirindin 15 Ottobre 2020
lago di como pixabay

Come era stato previsto, la morte dello chef dell’Hotel Royal di Varenna, trovato senza vita sulle sponde del lago di Como, è stata causata da un terribile incidente.

Il cuoco quarantatreenne, originario di Parma, era stato ritrovato riverso per terra poco lontano dalla camera in cui alloggiava nella foresteria di villa Cipressi destinata ai dipendenti dell’hotel. Era da poco finito il suo turno, e l’ipotesi era quella di una caduta fatale durante una passeggiata. Fin da subito infatti le autorità che hanno avviato le indagini avevano optato per un incidente o per un malore improvviso. Ipotesi che anche l’autopsia effettuata sul corpo dello chef ora sembra confermare.

Secondo i medici anatomopatologi, infatti, lo chef sarebbe molto sul colpo a causa di un violento colpo alla testa, avuto probabilmente in seguito a una caduta accidentale. L’ipotesi è che il cuoco dell’hotel, durante una passeggiata, stesse telefonando alla sua compagna per darle la buona notte e sia accidentalmente scivolato sulla riva del Lario.

Non una semplice caduta purtroppo, ma un incidente fatale: lo chef ha infatti battuto molto forte la testa. “È per noi una grave perdita, umana e professionale”, dichiarano all’Hotel Royal Victoria dopo il terribile incidente.

[Fonte: Il Giorno | Immagine: Pixabay]