di Marco Locatelli 7 Ottobre 2020

Non ha mezze misure l’infettivologo Massimo Galli, direttore del Dipartimento di malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano e professore all’Università statale, che ai microfoni del Corriere sottolinea come il coprifuoco per bar e ristoranti sarebbe una misura forte e utile per contrastare la diffusione del Coronavirus.

“Sarebbe un segnale forte (e utile) – spiega Galli – nella direzione di un controllo della movida. Non dimentichiamo che Paesi più tolleranti, come Francia, Spagna e Regno Unito, stanno pagando ora le conseguenze di comportamenti un po’ disinvolti”.

Galli a 360 gradi sull’attuale situazione della pandemia in Italia, spiega inoltre come, rispetto a marzo – il periodo più buio dell’emergenza sanitaria – ” le richieste di ricovero stanno leggermente aumentando, rispetto a dieci giorni fa, come numero e come gravità della malattia. Ma non siamo alla pressione del marzo scorso. L’estate è stata troppo vivace in tutta Europa e il contagio si è rianimato: i giovani contagiati hanno trasmesso il virus ai meno giovani”.

Nel frattempo, anche a Berlino è arrivato il coprifuoco per bar e ristoranti che non potranno tenere aperto fra le ore 23.00 e le 6.00.

FONTE: Il Corriere della Sera