di Marco Locatelli 18 Settembre 2020

Secondo una ricerca condotta dalle università del Massachusetts e quella di Alcalà, Spagna, gli uomini primitivi cuocevano il loro cibo già prima della scoperta del fuoco. Come? Sulle sorgenti idrotermali.

La scoperta del fuoco da parte dell’uomo è avvenuta circa 1 milione di anni fa, ma secondo questo recente studio non sarebbe stato con l’avvento della fiamma che i primi ominidi avrebbero cominciato a cuocere gli alimenti, ma molto prima.

La fonte di calore sarebbero stati, appunto, i cosiddetti camini idrotermali, quindi delle fratture nella superficie di un terreno da cui fuoriesce acqua geotermicamente riscaldata.

A suggerire questa ipotesi – ancora da confermare tramite successive verifiche – un sito a Olunnai, nella Tanzania del Nord, dove un insediamento di uomini primitivi si stabilì proprio vicino ad una sorgente idrotermale 1,8 milioni di anni fa, quindi molto prima rispetto all’ipotizzata scoperta del fuoco (circa 1 milione di anni fa).