di Marco Locatelli 9 Ottobre 2020

La Guardia di Finanza di Torino ha scoperto una frode commerciale perpetrata da un supermercato nel quartiere di Porta Palazzo: farine e semole con ingredienti non indicati in etichetta, falso Made in Italy che in realtà proveniva dall’Africa, rotture di riso spacciate per cereali di pregio.

Diversi anche i crostacei tritati e pronti ad essere venduti come derivati del pesce. In realtà questi venivano acquistati dal proprietario del market per poi essere confezionati in una specie di laboratorio clandestino all’interno di una toilette adiacente al negozio.

I finanziari hanno rinvenuto una frode non solo alimentare: sono state trovate saponette che, a detta del venditore, dovevano servire per curare la Scabbia mentre in realtà si trattava di un prodotto persino pericoloso vista la composizione ignota. Venivano importate illegalmente in Italia dall’Africa. Trovati anche accessori di abbigliamento con marchio contraffatto di famose case di moda italiana.

La Guardia di Finanza ha sequestrato oltre 7 tonnellate di prodotti alimentari e denunciato tre persone alla Procura della Repubblica di Torino. Accusa di frode in commercio, vendita di articoli con marchi contraffatti, omissione di cautele contro gli infortuni sul lavoro, ricettazione.