Civitanova: mensa spacciava per bio ingredienti comuni, denunciati

Il titolare della ditta che si occupava delle mense di Civitanova è stato condannato per aver spacciato ingredienti comuni come bio.

mensa

All Food è il nome della ditta che aveva vinto l’appalto per la preparazione dei pasti di scuole materne, elementari e medie della città di Civitanova: in base all’accordo, la frutta e la verdura servita nelle mense avrebbero dovuto essere ingredienti biologici e certificati ma, in seguito a un accertamento del Nas di Ancona risalente a novembre 2016, si scoprì che non lo erano affatto.

mensa

Ma procediamo con ordine, che a onor del vero le ispezioni degli agenti sono state molteplici, seppur tutte si siano concluse con la scoperta che gli ingredienti non erano, per l’appunto, biologici. Il primo controllo si è svolto in uno stabilimento della ditta ma, dopo la scoperta, il titolare della struttura Massimo Santini ha assicurato ai carabinieri che si trattava di un caso eccezionale, dovuto a un problema di consegne. Gli agenti hanno dunque proseguito con i controlli con un’azienda di distribuzione che da anni riforniva in maniera costante la All Food: azienda di distribuzione che, ormai l’avrete indovinato, non aveva mai prodotto (né aveva la certificazione per farlo) frutta e verdura biologica.

A questo punto il puzzo di marcio è troppo forte per essere ignorato, ed è impossibile smarcarsi con la scusa del caso eccezionale. Santini è stato denunciato per i reati di frode nelle pubbliche forniture e inadempimento dei contratti di pubbliche forniture, e solo recentemente si è chiuso il processo con una condanna a otto mesi di reclusione. La All Food, nel frattempo, continua a gestire il servizio delle mense.