di Valentina Dirindin 5 Luglio 2020
polizia

Novemila euro di multa a un bar-ristorante di Collegno, in provincia di Torino, dove sono stati trovati cibi in cattivo stato di conservazione e lavoratori in nero.

Le irregolarità sono state riscontrate nell’ambito di un servizio disposto dal Comando provinciale carabinieri, finalizzato alla prevenzione e alla repressione di illeciti in materia di lavoro nero e violazione delle norme igienico-sanitarie, i militari dell’Arma della Stazione di Collegno, in collaborazione con i colleghi del Nucleo Ispettorato del lavoro di Torino e NAS di Torino.

Il bar-ristorante-pizzeria (il Match Cafè,di via Tampellini) è stato trovato colpevole di diverse irregolarità per quanto riguarda l’ispettorato del lavoro: perfino il suo pizzaiolo, secondo i controlli, lavorava in nero e molti dei dipendenti non avevano buste paga regolari ma pare venissero pagati in contanti. Anche i Nas hanno avuto da ridire, trovando nel locale alimenti conservati in maniera non conforme alle normative.

Come se non bastasse, si è aggiunta la contravvenzione per aver installato all’interno del locale delle telecamere di sicurezza, senza però avere l’autorizzazione necessaria per farlo. Insomma, un elenco di irregolarità piuttosto importante che, a conti fatti, è costato alla titolare del locale torinese la non indifferente multa di novemila euro totali, con l’invito dei Carabinieri a regolarizzare le situazioni pendenti del ristorante.

[Fonte: La Stampa]