di Valentina Dirindin 19 Giugno 2020
FairTrade-Logo.svg__0

Continua a crescere, nonostante le difficoltà economiche causate dal Coronavirus, il settore del commercio equo e solidale. A sostenerlo è Fairtrade Italia, uno dei più importanti marchi di certificazione del circuito, che si occupa non solo di prodotti alimentari.

Il sistema Fairtrade in Italia fa infatti registrare un aumento annuo delle vendite del 39% per il 2019, chiudendo con 320 milioni di euro di sell-out. Numeri che mostrano un mercato più che quadruplicato negli ultimi anni, con un aumento dell’assortimento dal 2015 del 27% e un +61% delle aziende coinvolte. Una crescita davvero interessante, che mostra nuovi trend di consumo e un’attenzione sempre più alta degli acquirenti verso le filiere di vendita e verso gli aspetti etici del commercio.

Certo, la situazione contingente ha causato non pochi problemi a questo come agli altri settori, non solo da un punto di vista commerciale ma anche per la difficoltà di approvvigionamento in alcune filiere. Eppure, fanno sapere a Il Sole 24 Ore, il bilancio continua a essere positivo: “le vendite non sono diminuite, a riprova che gli italiani sono sempre attenti ai valori della nostra certificazione”, spiega Thomas Zulian, direttore commerciale di Fairtrade Italia, parlando di una previsione di chiusura dell’anno in “sostanziale stabilità” o addirittura “in leggera crescita”.

[Fonte: Il Sole 24 Ore]