di Marco Locatelli 15 Settembre 2020
supermercato

In barba ad una generale deflazione (inflazione al -0,5% su base annua), i prezzi di cibi e bevande crescono, dai salumi (+3%) alla pasta (+1,2%), dal latte (+0,7%) alla frutta (+8,1%) ma anche carne (+2,3%), pesce fresco (+2,1%) e pane (+0,9%). Ma nonostante ciò, i compensi riconosciuti ai produttori sono al ribasso.

“Una situazione paradossale poiché mentre i prezzi al consumo per cibi e bevande aumentano quelli pagati agli agricoltori e agli allevatori spesso diminuiscono con le quotazioni riconosciute ai produttori in molti settori – sottolinea la Coldiretti – non coprono più neanche i costi e mettono a rischio il sistema agroalimentare nazionale”.

Alle speculazioni si sommano peraltro gli effetti del clima impazzito – rileva la Coldiretti – con il moltiplicarsi di eventi estremi come caldo torrido, nubifragi e grandine che hanno compromesso le produzioni di frutta e verdura provocando la perdita del lavoro di un intero anno in molte aziende agricole.

Occorre dunque evitare che i comportamenti scorretti di pochi compromettano il lavoro della maggioranza degli operatori della filiera che si dimostra determinante per garantire le forniture alimentari alle famiglie in un momento in cui la pandemia ha messo a rischio gli scambi commerciali internazionali.