di Marco Locatelli 25 Febbraio 2021

Barattoli di pelati anti-caporalato “Riaccolto – La Terra della Libertà” sugli scaffali dei supermercati e degli ipermercati Coop di alcune regioni italiane.

A realizzare questi speciali pelati l’Associazione Ghetto – Out Casa Sankara, e sono gli stessi braccianti, migranti, che gestiscono l’associazione ad aver raccolto i pomodori trasformati.

A sostenere il progetto la Regione Puglia che ha dato in concessione venti ettari di terra all’associazione, e di questi 10 sono stati destinati alla produzione dei pomodori. Questa linea di pelati rappresenta quindi un simbolo della lotta al caporalato, un prodotto figlio di un sistema di lavoro senza sfruttamento dei braccianti.

La filera etica del pomodoro "Riaccolto": in vendita da Coop Alleanza 3.0

Anche un pomodoro può cambiare il mondo🍅I pelati "Riaccolto" sono prodotti da migranti che si sono uniti per coltivare una terra libera dallo sfruttamento e dal caporalato vicino a Foggia. Li trovi nei nostri negozi e puoi acquistarli, a un prezzo un po' più alto dei prodotti simili, per aiutare CASA Sankara Associazione Ghetto Out continuare la propria attività. Già fatto? Fai una scelta di campo e diventa testimone attivo: fatti una foto con il prodotto e postala con l'hashtag #CasaSankara e tag a Coop Alleanza 3.0 💪💪💪

Posted by Coop Alleanza 3.0 on Friday, February 19, 2021

Infine si è rivelato cruciale la collaborazione con Coop Alleanza 3.0 e Legacoop Puglia che hanno portato la linea di pelati etica sugli scaffali di 360 supermercati e ipermercati Coop presenti in Abruzzo, Basilicata, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Marche, Puglia, Sicilia e Veneto.

Coop Alleanza 3.0 riconoscerà ai produttori il 70% del costo finale dei pelati: il prezzo di vendita è di 1,39 euro per 400 grammi.

Fonte: Greenme

1