di Manuela 19 Ottobre 2020
spia

Era inevitabile che prima o poi succedesse: a cause delle recenti disposizioni anti Coronavirus, a Vinovo un uomo ha pensato bene di denunciare un vicino per una festa con più di 6 persone. Peccato che fossero i clienti di un bar.

Ma è meglio procedere con ordine. A Vinovo, in viale Francia, dalle parti del centro commerciale I cavalieri, un uomo ha chiamato i Carabinieri per denunciare una presunta festa privata dove ci sarebbe stata troppa gente, tutti assembrati e senza mascherina. L’uomo, un cliente del centro, segnalava che al piano di sotto c’era una festa con assembramenti e partecipanti senza mascherina.

I Carabinieri hanno capito che la telefonata riguardava un’attività commerciale e sono giunti sul posto per assicurarsi che fosse tutto regolare. Così, quando sono arrivati, si sono resi conto che non c’era nessuna festa privata: si trattava solamente di alcuni clienti che erano seduti nel dehor di un bar famoso del posto. Inoltre tutti erano a regolare distanza e con indosso la mascherina.

Il gestore dell’attività ha spiegato che era tutto nella norma come sempre in quanto ci tengono al rispetto delle regole. Da sempre, pur essendo un locale molto frequentato, hanno sempre seguito tutte le norme e le indicazioni ricevute, anche quando non erano molto chiare. E ha specificato che non mettono i cartelli solo per bellezza, ma perché le norme vanno rispettate.

1