di Marco Locatelli 21 Novembre 2019
dieta-senza-carboidrati

La cucina italiana nel mondo, si sa, è conosciutissima e molto apprezzata, motivo per il quale è capace di generare un ragguardevole giro di affari. Un business che nel 2018 è arrivato a raggiungere, a livello globale, i 229 miliardi di euro.

Il mercato interno è il terzo: in Italia, infatti, si è raggiunto i 39 miliardi di euro, dietro a Cina, dove la cucina italiana genera qualcosa come 71 miliardi di giro d’affari, e agli Stati Uniti d’America, dove i nostri piatti creano un business pari a 69 miliardi di euro.

Cifre in crescita. Rispetto al 2016, a livello mondiale la cucina italiana ha fatto registrare il +10,6% come dimostra la ricerca “Italian cuisine market monitor” condotta da Deloitte sulla situazione del mercato foodservice a livello locale e globale.

Lo studio ha visto coinvolti partner come Alma, scuola internazionale di cucina italiana. Dalla ricerca è emerso che solo il comparto ristorazione nel 2018 vale 2.563 miliardi, il 46% proviene dall’Asia Pacifica.