di Manuela 7 Gennaio 2020
Parmigiano Reggiano

Dazi USA sul Parmigiano Reggiano? E il Consorzio reagisce stipulando un accordo con Whole Foods Market. Poco prima di Natale i due grandi colossi hanno stipulato una partnership in cui la catena americana si impegna a fare una presentazione consona del prodotto all’interno dei suoi supermercati in modo da aiutare i consumatori a distinguere il vero Parmigiano Reggiano dai prodotti simili (o dai fake).

Non è certo un accordo da poco: la catena di supermercati Whole Foods Market vanta 487 punti vendita negli Stati Uniti, 14 in Canada e 7 nel Regno Unito. Acquisita da Amazon nel 2017 per un valore di 13,7 miliardi di dollari, adesso l’azienda si è accordata con il Consorzio Parmigiano Reggiano grazie a una collaborazione basata su tre punti principali:

  1. Whole Foods Market si impegna a organizzare due volte l’anno eventi per celebrare l’apertura della forma di Parmigiano. Immaginate l’apertura tradizionale della forma, ma condita con un tocco di spettacolo all’americana
  2. Le due aziende si scambieranno dati di marketing e informazioni, raccolti anche online e sui social network
  3. Whole Foods Market proporrà nei suoi punti vendita materiali informativi sulla DOP e le differenze con i prodotti simili

Tutto ciò garantirà una notevole visibilità al Parmigiano Reggiano negli Stati Uniti (cosa che potrebbe contribuire, fra l’altro, ad affondare ulteriormente il settore lattiero-caseario americano che non sta andando benissimo in questo momento).

Nicola Bertinelli, presidente del Consorzio Parmigiano Reggiano, ha parlato di un accordo senza precedenti per quanto riguarda la storia dei prodotti DOP europei. Questa collaborazione permetterà di inserire un nuovo tassello nella lotta contro la contraffazione e di portare la cultura dei prodotti nostrani nei mercati più importanti. Ma questo accordo ha anche un impatto più ampio: in un periodo in cui i dazi USA di Donald Trump minano l’economia di tutto il mondo, ecco che una delle più famose catene di supermercati statunitensi ha scelto di stare dalla parte del Parmigiano Reggiano.