Delivery: il fast food Wendy’s investe nelle prime dark kitchen

Il fast food statunitense Wendy's, dopo una prima fase di test, si appresta ad aprire ben 700 dark kitchen per il delivery.

Wendy's ph Wikipedia di David Vasquez

Il futuro è nel delivery e nelle dark kitchen, sostengono in tanti, soprattutto nell’epoca della pandemia che spesso ci ha costretto a rinunciare ai ristoranti: va in questa direzione l’ultimo investimento di Wendy’s, catena di fast food statunitense che ha deciso di investire nelle dark kitchen.

L’azienda infatti ha annunciato che prevede di aprirne ben 700 tra Stati Uniti, Regno Unito e Canada: locali non aperti al pubblico bensì destinati esclusivamente alle consegne a domicilio – realizzati attraverso un accordo di franchising con Reef Technology. La catena statunitense ha dichiarato di puntare ad avere tra gli 8.500 e i 9.000 ristoranti in tutto il mondo entro il 2025, spingendo il numero di nuove aperture, con 2200 nuove inaugurazioni nei prossimi quattro anni.

“La nostra robusta crescita è proseguita nel secondo trimestre dell’anno” – ha fatto sapere l’amministratore delegato dell’azienda Todd Penegor nel presentare questi dati, “poiché le vendite hanno superato significativamente le nostre aspettative, portando a margini e profitti record e alimentando il nostro modello economico di ristorazione”. Non sono in realtà le primissime dark kitchen aperte da Wendy’s: il progetto in collaborazione con la statunitense Reef aveva già avuto una fase di tasting con otto locali in Canada: test che evidentemente è stato perfettamente superato.

Potrebbe interessarti anche