di Marco Locatelli 17 Gennaio 2020

A volte per contrastare l’influenza può essere molto utile adottare una dieta ad hoc, la dieta antigelo come l’ha chiamata Coldiretti.

“Aumentare le calorie consumate, iniziando la mattina con latte, miele o marmellata e portando poi a tavola soprattutto zuppe, verdure, legumi e frutta, aiuta a rafforzare, con l’apporto di vitamine, le difese immunitarie dal rischio dell’insorgenza dell’influenza favorita dal freddo gelido”, consiglia Coldiretti.

Una soluzione elaborata da Coldiretti alla luce del forte incremento di casi di influenza. Nella dieta antigelo non devono mancare latte, uova e alimenti ricchi di elementi probiotici come yogurt e formaggi, ad esempio il parmigiano e, per alcuni esperti, anche il miele e l’aglio, che contiene una sostanza, l’allicina, particolarmente attiva nella prevenzione.

Importante anche l’incremento di calorie, utili contro il freddo. Ovviamente da consumare facendo attenzione a parametri come attività, sesso, età e necessità personali ( in un soggetto normale l’assunzione di proteine deve essere compresa tra 0,8- 1,3 grammi di proteine per chilo di peso corporeo). Attenzione anche alla vitamina A, che ricopre un ruolo centrale in questa dieta antigelo, quindi verdure di stagione come spinaci, cicoria, zucca, ravanelli, zucchine, carote, broccoletti.

Ovviamente non puà mancare la vitamina C, quindi consumare frutta di stagione: kiwi, clementine e arance “rigorosamente italiane per evitare che i trasporti ne riducano il contenuto vitaminico”, evidenzia Coldiretti. Non vanno dimenticati i legumi: fagioli, ceci, piselli, lenticchie, fave secche “perché contengono ferro e sono ricchi di fibre che aiutano l’organismo a smaltire i sovraccarichi migliorando le funzionalità intestinali”.