di Manuela 23 Gennaio 2020
zucchero

Una dieta con troppo zucchero toglie il sonno? Effettivamente uno studio del 2016 riportato in auge adesso sembra dimostrare che un eccesso di zuccheri nella nostra alimentazione possa peggiorare la qualità del sonno. Finora si sapeva che troppo zucchero provoca un aumento del peso, provoca carie, aumenta il rischio di diabete, ma in pochi sanno che lo zucchero può rovinare il sonno.

Lo studio in questione, pubblicato sul Journal of Clinical Sleep Medicine, ha scoperto che le persone che seguono una dieta ricca di zuccheri tendono a dormire meno profondamente e mostrano maggiore irrequietezza durante la notte. Secondo Michael Breus, psicologo clinico statunitense specializzato proprio nei disturbi del sonno, troppo zucchero porta a mangiare più tardi durante la giornata perché i livelli di zucchero nel sangue sono fuori controllo.

Ciò finisce con l’influire negativamente sulla qualità del sonno. Ma c’è di più: questo sonno insoddisfacente e non produttivo il giorno dopo causerà un desiderio ancora maggiore di zucchero, provocando un loop infinito. Quando introduciamo dello zucchero con la dieta, i livelli di glicemia aumentano e il pancreas viene stimolato a rilasciare insulina che abbassa i livelli di glucosio nel sangue favorendo l’ingresso del medesimo nelle cellule. In questo modo viene fornito alle cellule del carburante da sfruttare: mangiare zucchero tardi durante la giornata sovrastimola l’organismo, fornisce energia in un momento in cui avremmo bisogno di stare tranquilli.

Un altro problema è legato al fatto che lo zucchero consuma il magnesio disponibile nel corpo, elemento fondamentale per dormire bene. Tuttavia non tutti i ricercatori sono concordi: il dottor Paul Kelley, ricercatore del settore, ammette la presenza del legame fra assunzione elevata di zuccheri e sonno disturbato, ma avverte che sono necessarie altre ricerche prima di poter capire pienamente il nesso causa-effetto.

Effettivamente tutti i consigli per dormire bene la notte indicano di non mangiare nelle due ore prima di andare a dormire, evitare di consumare caffeina e cioccolata alla sera e di spegnere la TV un’ora prima di andare a letto. Ma cosa mangiare, dunque? Pane integrale e patate hanno abbastanza fibre da permettere di tenere sotto controllo questa brama di zuccheri: rilasciano gli zuccheri per un periodo più lungo e riducono i picchi di glicemia, permettendo al pancreas di non sovraccaricarsi di lavoro.

Anche gli alimenti ricchi di triptofano sono ideali per migliorare il sonno: quindi spazio a fagioli, lenticchie, noci, cereali integrali e pollame. Anche ricotta e tacchino possono andare bene, specie come spuntini per coloro che non resistono alla tentazione di mangiare qualcosa a tarda notte.

[Crediti | The Guardian]