Un bambino di appena 18 mesi è morto negli Stati Uniti a causa di una rigida dieta vegana. Il bambino, a quanto si apprende dai media internazionali, veniva alimentato, dal momento in cui aveva iniziato lo svezzamento, esclusivamente con frutta, qualche verdura, e latte materno. Una dieta che gli ha causato una grave malnutrizione che lo ha portato al decesso lo scorso 27 settembre. La polizia di Cape Coral, in Florida, ha raccolto le testimonianze dei genitori, che hanno raccontato di essere andati a dormire e di aver trovato il loro figlioletto morto al risveglio.

È stata la stessa coppia, una volta resasi conto dell’accaduto, a chiamare la polizia e a raccontare loro della dieta a cui avevano sottoposto il bambino. Manghi, banane, avocado e qualche verdura: pare che l’alimentazione del piccolo si riducesse a quello, e che d’altra parte anche i genitori (che tra l’altro hanno altro due figli di tre e cinque anni, oltre a un altro figlio di undici anni frutto di una precedente relazione della donna) seguano la stessa dieta sregolata. A quanto riportano i media, tutti i membri della  famiglia sono effettivamente apparsi e risultati agli esami malnutriti e deperiti, con una carnagione pallida, denti anneriti e un peso inferiore alla media.

Lo stesso neonato, a 18 mesi, pesava appena sette chili, decisamente un parametro molto al di sotto della media normale. Le cause del decesso del piccolo sono state poi determinate e rese note pochi giorni fa, a conferma che la sua alimentazione rigida e poco varia è stata ciò che lo ha portato alla morte.

[fonte: il Fatto Quotidiano]

commenti (1)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar CheshireAri ha detto:

    Va bene fare clickbait, ma ci rendiamo tutti conto che il problema non è che il bambino era alimentato con una “dieta vegana” ma che mangiava come Mowgli del Libro della giungla, vero? Nessun vegano sano di mente mangia solo mango, banane, avocado e qualche verdura. Nessuno sano di mente, vegano o no, potrebbe pensare che solo frutta, o solo “cibo x”, possa costituire una dieta sana, tantomeno per un infante.
    Il povero bambino sarebbe morto anche se fosse stato alimentato a soli wurstel, o sole uova, o solo latte; non certo a causa della “dieta onnivora” ma solo per aver avuto per genitori dei dementi che evidentemente non sono nella condizione di crescere dei figli.
    Il cattivo giornalismo fa male a tutti, alla testata in primis.