di Marco Locatelli 15 Giugno 2020

Essere poveri non significa non poter aiutare le persone in difficoltà. Questo il pensiero che ha mosso Feby Dela Peña, 34 anni, migrante filippina di Dubai rimasta senza lavoro a causa della pandemia da coronavirus ma che sta donando cibo agli indigenti.

La donna ha attivato una iniziativa di solidarietà per aiutare le persone in difficoltà, a tal punto da non potersi permettere del cibo. Un’azione che nasce in un contesto molto difficile: negli Emirati Arabi Uniti gli immigrati sono il 90% della forza lavoro e, a causa delle crisi economica scatenata dal covid-19, sono migliaia le persone rimaste senza lavoro che non riescono più a sostenere la famiglia e non sono nemmeno in grado di tornare in patria.

Feby Dela Peña ha quindi deciso di provare a cambiare le cose e, con soli 136 dollari di cibarie di cui 30 polli congelati e alcuni sacchi di riso, ha cominciato a cucinare e donare del cibo per strada ai migranti rimasti, come lei, senza lavoro e quindi in difficoltà a potersi permettere un pasto caldo.

L’iniziativa è presto cresciuta e ora permette di offrire fino a 200 pasti gratis ai poveri di Dubai. Ogni giorno Feby, verso le 3 di pomeriggio, inforca il suo carretto e lo carica di alimenti e poi gira per le strade del quartiere.

FONTE: ASIA NEWS