Dubai, una startup installa in tutta la città robot che erogano del pane gratuitamente

Per le strade di Dubai sono stati installati robot che erogano pane gratuitamente: portare a casa la pagnotta ha tutto un altro significato, ora.

dubai robot pane

Ci sono robot che portano le pizze e alcuni che invece, semplicemente, erogano del pane come un qualsiasi distributore automatico: si tratta delle macchine messe a punto dalla LBX Food Robotics, che un paio di anni ha stretto un accordo con la Fondazione Mohammed Bin Rashid Al Maktoum Global Initiatives (MBRGI) per l’installazione di tali macchinari in tutta Dubai in modo tale da aiutare coloro che versano in situazioni di insicurezza alimentare. In questo senso, portare a casa la pagnotta assume un significato del tutto diverso: i robot in questione, infatti, forniscono pagnotte in maniera del tutto gratuita, pur lasciando ai clienti la possibilità di fare donazioni monetarie volontarie.

pane

A onore del vero va detto che la partnership ebbe inizio nel 2020 quando MBRGI, la fondazione di beneficenza dello sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum (il capoccia di Dubai, per intenderci), si è rivolta alla LBX chiedendo se i loro macchinari potessero essere utilizzati per portare del cibo alle persone più bisognose: due anni più tardi l’accordo ha portato all’installazione di dieci robot come prima fase della collaborazione. Ogni singola macchina è in grado di contenere fino a 100 diversi alimenti in una conservazione refrigerata: una volta che l’eventuale cliente ha selezionato l’articolo, il robot utilizza il calore a infrarossi e microonde per riscaldare il pane prima dell’erogazione.

“È stato un privilegio collaborare con MBRGI per supportare i loro obiettivi di fornire una fonte di cibo a persone che altrimenti potrebbero soffrire la fame e siamo lieti di vedere la nostra tecnologia sfruttata in questo modo unico”, ha affermato il fondatore di LBX Benoit Herve. “Questo sforzo iniziale di dotazione fa parte di un dispiegamento su larga scala della nostra tecnologia in Medio Oriente, a sostegno delle tradizioni culturali profondamente radicate nella filantropia e nel servizio alla comunità”.