di Marco Locatelli 3 Marzo 2020
api

Ferrero allunga la mano al mondo dell’apicoltura aderendo al progetto “Impolliniamo il pianeta” lanciato dalla startup 3Bee che ha l’obiettivo di proteggere le api.

Il colosso dolciario di Alba contribuirà alla mission ambientale adottando 10 alveari in Piemonte, equivalenti a 600 mila api che verranno quindi protette grazie al progetto. Sì, perché con l’iniziativa di 3Bee si dà la possibilità ad aziende e privati di prendersi cura di un alveare e contribuire così alla ripopolazione di api.

“Grazie al network di oltre 2.000 apicoltori che in tutta Italia utilizzano i nostri sistemi di monitoraggio, abbiamo deciso di avviare un progetto di Corporate Social Responsibility – spiega Niccolò Calandri, Ceo di 3Bee – Attraverso il progetto “Impolliniamo il mondo” le aziende attente alla sostenibilità ambientale, possono dare il proprio contributo per la protezione delle api e di conseguenza del pianeta, con un impatto concreto, forte ed importante sulla preservazione della biodiversità e degli ecosistemi”.

Un’iniziativa che va nella direzione della salvaguardia di un insetto che svolge un ruolo assolutamente fondamentale per l’ecosistema. Si ricordi infatti che le api sono responsabili dell’80% della catena alimentare proprio grazie all’impollinazione, diretta o indiretta. Tra le principali vittime dei cambiamenti climatici, questi preziosi insetti hanno subito una drastica diminuzione (anche la produzione di miele è calata in questi anni). In quasi 30 anni, secondo i dati della Radboud University e della Entomological Society Krefeld, la popolazione di api è calata del 70%.