di Valentina Dirindin 30 Marzo 2021
latitante ndrangheta

Nella vita era un pericoloso latitante della ‘Ndrangheta, ma per passione faceva il food blogger. E sono stati proprio i video di cucina italiana sul suo canale Youtube a tradire Marc Feren Claude Biart, che è stato arrestato dalla polizia quando è atterrato all’aeroporto di Milano Malpensa con un volo proveniente da Santo Domingo, dove si era rifugiato cinque anni fa.

Lì era conosciuto semplicemente come “Marc” e aveva avviato, insieme alla moglie, un canale di ricette italiane su YouTube. Nei video non lo si vedeva mai in volto, ma il latitante è stato riconosciuto dalla polizia proprio per i tatuaggi che si vedevano durante le ricette sul web.

Da quei particolari gli inquirenti sono riusciti a risalire alla posizione del latitante, che si trovava nella città di Boca Chica, dove alla fine è stato fermato grazie a un’operazione congiunta di Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza con l’Interpol della Repubblica Dominicana.

Sul latitante  gravava un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, emessa nel 2014 dal gip del Tribunale di Reggio Calabria, nell’ambito dell’Operazione “Mauser” condotta contro il clan della ‘Ndrangheta “Cacciola” di Rosarno.

[Fonte: Il Corriere della Calabria]

1