Frodi alimentari, mega indagine dell’Interpol svela gli imbrogli durante la pandemia

Un'inchiesta di 6 mesi di Interpol ed Europol ha portato al sequestro di cibi adulterati per milioni di euro.

Miele

Un boom di frodi alimentari riguardanti cibo e bevande: una indagine condotta negli ultimi mesi da Europol e Interpol ha rivelato notevoli casi di imbrogli e crimini durante la pandemia. Il miele falso prodotto con sciroppo di mais e zucchero alterato è stata la più frequente tra le frodi registrate. Inoltre, gravi adulterazioni di alcolici hanno portato al sequestro di 1,7 milioni di litri di bevande, mentre è finita nel mirino anche carne di cavallo illegale. L’operazione si è svolta da dicembre 2020 a giugno 2021 e ha coinvolto le autorità di 72 paesi, inclusi 26 Stati membri dell’UE.

Sequestri fino a 47.660 litri di whisky falso e 9.550 litri di alcol contraffatto per la produzione di alcolici fraudolenti. L’Europol ha osservato che i prodotti di bassa qualità che si infiltrano nella catena di approvvigionamento alimentare possono essere collegati alle ripercussioni della pandemia di COVID-19.

Tra i prodotti fraudolenti confiscati dalle autorità c’erano anche molluschi non idonei al consumo umano. Ciò ha comportato otto arresti, sette società indagate e sequestri di 120.000 euro, 25 veicoli e 12 navi.

I tipi più comuni di frode alimentare includono l’etichettatura errata (42 percento); sostituzioni/diluizioni/aggiunte/rimozioni nel prodotto (20 per cento); trattamento e/o processo non approvato (16 per cento); e documenti incompleti, falsificati o manipolati (15 per cento).

[Fonte: Foodingredientsfirst]

Potrebbe interessarti anche