di Marco Locatelli 24 Luglio 2020

Calano sensibilmente i prezzi della frutta estiva all’ingrosso (mentre cresce la produzione), con l’anguria che segna addirittura un -33,7% e il melone tocca il -21,1%. Flessione anche per albicocche (-10,1%) e pesche (-16,6%).

Come si può leggere nel report di Unioncamere-Bmti sulla base dei listini rilevati dalle Camere di commercio e dai Mercati all’ingrosso, calo importante anche per il mercato vinicolo, con una flessione dell’1,4%

Guadagna terreno, invece, la carne dopo i ribassi registrati nel post lockdown, in particolar modo cresce la carne di pollo con un +8%. Con la riapertura di gelaterie e pasticcerie bene il prezzo di panna e burro, e +12% anche per il latte venduto sfuso in cisterna (spot).

Tuttavia nel settore lattiero-caseario restano più bassi rispetto all’anno scorso i prezzi all’ingrosso, con un -15,2% per il latte spot e -31,5% per il burro.