di Valentina Dirindin 21 Dicembre 2019
Vissani, Barbieri, Fourghetti

Sorpresa sorpresa: ora scopriamo che Gianfranco Vissani è un virtuoso femminista, con il 50% del suo personale di cucina composto da donne. Almeno, è quanto sostiene il sondaggio fatto da Radio Radio, che ha chiesto a dieci ristoranti stellati il numero delle donne impiegate in cucina e con quale mansione. I risultati – non che ci sorprenda – sono stati effettivamente sconfortanti: sul totale dei ristoranti presi in esame dallo studio della radio, il 79% dei cuochi sono risultati essere uomini, solo il 10% delle chef sono donne e l’11% delle donne lavora nella pasticceria.

Nulla di straordinario, purtroppo: si sa che le cucine (anche e soprattutto quelle blasonate) spesso faticano a dare un ruolo adeguato alle donne. Ma straordinario è un altro risultato evidenziato dal sondaggio: Casa Vissani, il ristorante stellato di Gianfranco Vissani, è risultato quello con la più elevata percentuale di quote rosa nel suo staff in cucina, con addirittura una par condicio tra quote azzurre e rosa. Se come noi siete cascati dalla sedia per la sorpresa, amici Dissaporiani, non è certo colpa vostra.

Checchè ne dica Vissani che pubblica soddisfatto questo sondaggio sulla sua pagina Facebook, ci verrebbe da spiegargli, come fanno i bambini con la mamma che vuole sapere come è andato un litigio finito a botte da orbi, che non abbiamo mica iniziato noi. La fama del misogino, Vissani, se l’è costruita con le sue mani, con dichiarazioni indimenticabili come “Io ho una brigata di trenta cuochi, ho otto donne e crollano tutte. Le donne non ce la fanno fisicamente”.
Ma forse, stava solo mentendo, ed è solo un timido orsacchiottone.

[Fonte: Radioradio]