Gianni Morandi si trasforma in cameriere per un giorno, e documenta tutto sui suoi social network. Faccia sorridente, grembiule bianco indosso, Gianni Morandi ha spiegato il perché della sua giornata da cameriere sulla sua pagina Facebook, usando la consueta pacatezza che lo ha sempre contraddistinto nel linguaggio social, sin dal suo esordio. Ed è proprio questo linguaggio, così distante dai toni accesi che solitamente si leggono sul web che ne ha decretato il successo, così come quello di quest’ultimo post (oltre 50mila like recuperati in pochissimo tempo), in cui racconta la sua vita di “cameriere per un giorno”.

“13 gennaio” scrive Morandi, quasi come in un diario, “Il ristorante Diana, uno dei più famosi di Bologna, oggi ha offerto un pranzo a 90 persone meno abbienti. Io sono stato uno dei camerieri per un giorno, servendo a tavola e passando un po’ di tempo con tutti loro. Mi rendo conto di non aver fatto niente di speciale ma, di sicuro, è stata una bella esperienza”.

Per l’undicesimo anno, infatti, il ristorante Diana ha accolto ai suoi storici tavoli alcuni ospiti bisognosi delle Cucine Popolari e della Caritas, quaranta per ciascuna delle due organizzazioni. Una bella tradizione di beneficenza iniziata nel 2010 e che si ripete ogni anno, coinvolgendo alcuni vip che si prestano a contribuire servendo ai tavoli in questa occasione speciale.

commenti (0)

Accedi / Registrati e lascia un commento