Giappone, arrivano le bacchette che fanno sembrare i cibi più salati

In Giappone arrivano le bacchette elettroniche che sono in grado di far sembrare i cibi più salati. Così i commensali nipponici potranno assaporare un ramen senza doversi preoccupare di metterci del sale. Le bacchette creano artificialmente il sapore del sale. Una soluzione che ha l’obiettivo di ridurre i livelli di sodio in alcuni dei piatti […]

ciotola di riso basmati con bacchette e condimento di frutta e carne

In Giappone arrivano le bacchette elettroniche che sono in grado di far sembrare i cibi più salati. Così i commensali nipponici potranno assaporare un ramen senza doversi preoccupare di metterci del sale.

Le bacchette creano artificialmente il sapore del sale. Una soluzione che ha l’obiettivo di ridurre i livelli di sodio in alcuni dei piatti più popolari del paese. Le bacchette funzionano sfruttando la stimolazione elettrica e un mini-computer indossato al polso dal commensale.

Il dispositivo trasmette gli ioni di sodio dal cibo, attraverso le bacchette, alla bocca, dove creano un senso di salato, secondo Homei Miyashita, professore alla Meiji University di Tokyo, il cui laboratorio ha collaborato con il produttore di alimenti e bevande Kirin per sviluppare il dispositivo.

bacchette cucina giapponese

Il team ha affermato che perfezionerà il prototipo e spera di rendere le bacchette disponibili ai consumatori entro l’anno prossimo. In media, un giapponese adulto consuma circa 10 grammi di sale al giorno, il doppio di quanto raccomandato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Il ministero della Salute del Sol Levante ha quindi proposto di ridurre l’assunzione giornaliera di sale a un massimo di 7,5 grammi per gli uomini e 6,5 grammi per le donne.

Miyashita e Kirin hanno affermato che i test clinici su persone che seguono una dieta a basso contenuto di sodio hanno confermato che il dispositivo è in grado di migliorare il gusto salato del cibo di circa 1,5 volte.

Un’elevata assunzione di sale può contribuire all’ipertensione, che è la principale causa di infarti e ictus. “Per prevenire queste malattie, dobbiamo ridurre la quantità di sale che assumiamo”, ha affermato il ricercatore Ai Sato. “Se cerchiamo di evitare di assumere meno sale in modo convenzionale, dovremmo sopportare il dolore di eliminare il nostro cibo preferito dalla nostra dieta, o sopportare di mangiare cibi insipidi”.