di Manuela 24 Marzo 2021
pandoro-fatto-in-casa

Il Tribunale di Torino ha dato via all’acquisizione dell’azienda dolciaria La Torinese da parte di Industria Dolciaria Borsari. La Torinese produce dal 1932 lievitati da ricorrenza, fra cui il panettone Pandorato e il Piemunteis. Tutte le attività e i 40 dipendenti verranno garantiti.

Si sa già che il gruppo Borsari, che vanta un fatturato di 50 milioni di euro e che, inclusi gli stagionali, supera i 500 dipendenti nei tre siti produttivi di Falconara, Torino, Badia Polesine e nei suoi cinque negozi, integrerà gli asset dell’azienda La Torinese per consolidare ulteriormente i suoi prodotti di fascia premium.

In realtà è già dal 2018 che si parla dell’integrazione dell’azienda La Torinese all’interno del gruppo Borsari, ma solo ora il Tribunale di Torino ha dato l’ok definitivo a questa acquisizione.

Industria Dolciaria Borsari ha già 150 specialità e prodotti storici come l’Albero di Natale, il Cuor di Pandoro (a proposito di pandoro: conoscete tutta la sua storia?) e l’Anatra all’Arancia. Inoltre nel 2020, grazie a una produzione a tiratura limitata, è riuscita a ottenere il prestigioso riconoscimento come Miglior Panettone Classico Artigianale al mondo secondo la giuria della Fipgc.

Andrea Muzzi, pasticcere e AD del gruppo Borsari, ha spiegato di essere molto felice di questa acquisizione. Riuscire a formalizzare una cosa del genere è un obiettivo importante non solo per l’impresa, ma anche per tutto l’indotto. Grazie all’ingresso de La Torinese nel gruppo, ecco che avranno a disposizione 8 brand (Tommaso Muzzi, Borsari, Antica Pasticceria Muzzi, Giovanni Cova & C. Scar Pier, Torronificio Bedetti e Golfetti) e 3 stabilimenti produttivi. L’AD è sicuro che questa acquisizione rappresenterà il perfetto esempio di aggregazione di marchi e aziende nel settore dolciario italiano.

1