di Valentina Dirindin 10 Gennaio 2021
battito cardiaco ph pixabay

Il direttore e il vicedirettore dell’Esselunga di Aprilia, comune nella provincia di Latina, si sono trasformati in eroi per un giorno quando hanno salvato la vita a un cliente che ha avuto un infarto dentro il supermercato. Il fatto è avvenuto nella mattinata di venerdì 8 gennaio.

Un uomo di circa sessant’anni stava facendo la sua spesa all’interno del punto vendita ma improvvisamente si è sentito male: si è accasciato a terra con tutti i sintomi di quello che poi si è rivelato essere un infarto.

A intervenire per soccorrere l’uomo sono stati il direttore del supermercato  Alessandro Giannone e il vicedirettore Luca Piluso: dalla loro parte, l’”esperienza” di aver da poco tempo seguito un corso di “cardioprotezione” organizzato da Esselunga proprio per prevenire gli infarti nei supermercati.

Insomma, i due sapevano (almeno teoricamente) come muoversi in una situazione drammatica come questa, e hanno saputo prestare i giusti soccorsi al malcapitato, in attesa che arrivasse l’ambulanza.

Con un lungo massaggio cardiaco durato 40 minuti, e l’utilizzo del defibrillatore, i due dirigenti hanno di fatto permesso all’uomo – che non respirava né aveva battito, secondo il loro racconto – di salvarsi, facendogli riprendere conoscenza.

Una vicenda che dimostra l’assoluta importanza dei corsi di primo soccorso per il personale che opera all’interno degli spazi pubblici.

[Fonte: Il Corriere della Città | Fonte immagine: Pixabay]