La prova del cuoco: Elisa Isoardi porta ricette per cani e gatti in una nuova rubrica

Elisa Isoardi condurrà La prova del Cuoco insieme al suo cagnolino, infatti da settembre ci sarà una rubrica di ricette per cani, settimanale.

La prova del Cuoco ricomincerà a settembre e la conduttrice Elisa Isoardi collaborerà con il suo cagnolino per proporre al pubblico ricette per cani e gatti, in una nuova rubrica settimanale.

Elisa Isoardi ha un barboncino toy di 6 anni che ama moltissimo, Zenit: ha deciso di portarlo in tv su Rai 1 e di fargli fare da mascot per questa nuova rubrica di ricette per cani e gatti, che insegni alle persone a regolarsi e affrontare meglio una dieta casalinga per animali da compagnia. Si parlerà – anticipa la Isoardi su Tv Sorrisi e Canzoni – di cosa possono o non possono mangiare gli animali, di quali alimenti siano dannosi o pericolosi.

Racconta: “Zenit parteciperà al programma perché da settembre avremo uno chef dog che insegnerà a preparare ricette adatte a cani e gatti. Quindi scopriremo se possono mangiare le uova, quanto sale possiamo mettere nei loro pasti… Un tempo eravamo abituati a dare loro gli avanzi. Oggi, invece, c’è un’attenzione maggiore alla loro alimentazione. Cominciamo con uno spazio settimanale di almeno sei minuti. Poi vedremo come si evolverà”.

la Isoardi non è estranea al mondo legato all’alimentazione per cani, dato che come dice lei stessa cucina in casa per Zenit: “cucino per lui, gli dedico molte attenzioni ai fornelli. Non uso sale, gli do carne tritata e pollo, una volta al mese del fegato cotto semplicemente in padella e non mangia dolci”.

Fonte: vanitypets.it / tvzap.kataweb.it

Avatar Chiara Cajelli

21 Agosto 2019

commenti (1)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Oetzi ha detto:

    Dopo la partenza titubante era finita per piacermi nella seconda parte di stagione, e visto che sembra capirne un pò la preferivo già alla Clerici, la quale dopo 20 anni probabilmente sa giusto fare le uova strapazzate. Ma questa è una buffonata bella e buona, che non andrebbe incentivata sulla TV pubblica.