di Valentina Dirindin 21 Gennaio 2021
Lello Ciampolillo

Il senatore Lello Ciampolillo, salito improvvisamente alla ribalta nelle cronache per il suo comico ritardo nella votazione cruciale per il Governo Conte di qualche giorno fa, ha espresso la sua convinzione che l’arma segreta per combattere il Covid sia la dieta vegana.

Il rappresentante del Gruppo Misto, un tempo appartenente al Movimento Cinque Stelle, in realtà non è nuovo per le sue dichiarazioni a dir poco colorite che difendono – spesso senza alcuna prova scientifica a supporto – i rimedi “naturali” nelle più svariate situazioni.

Per esempio, era sua l’idea di combattere la xylella, che affligge da tempo gli ulivi del Sud Italia, con il sapone. E fu proprio la Xylella a dare per la prima volta l’occasione al senatore Ciampolillo di finire nelle cronache dei giornali di tutta Italia: sua infatti l’idea di evitare l’estirpazione di un albero malato (come prevedono le norme nazionali e europee) a Cisternino, in provincia di Brindisi, con un’espediente meraviglioso. Il senatore si fece infatti donare in comodato dall’agricoltore l’albero malato, per poi eleggerlo come sua residenza da parlamentare, e proteggerlo così grazie all’immunità. Peccato che l’espediente non abbia funzionato, e l’ulivo sia stato sradicato poche settimane dopo.

Oggi, ovviamente, il senatore Ciampolillo dice la sua sulla pandemia, spiegando – con tematiche pericolosamente affini a quelle dei negazionisti – che la conta dei morti di Covid è falsata perché “spesso da noi si conteggiano come morti da Covid quelli morti in incidenti stradali” e che lui il vaccino non lo farà, perché non è quella “la soluzione per uscire dal Covid”.

E allora qual è, gli chiede il collega de La Stampa in un’intervista dedicata, che il senatore s’è guadagnato dopo la performance in aula che lo ha reso un trend topic dei social. “Bisogna puntare molto sulle difese immunitarie personali”, dice, e fin qui tutto bene. “Io sono vegano e ho difese immunitarie altissime. I vegani si difendono meglio dal Covid perché hanno difese immunitarie quasi perfette. A Conte ho consigliato di diventare vegano, l’ho suggerito per stare meglio”.

Chissà cosa ne pensa il presidente del Consiglio, che speriamo non si faccia influenzare troppo dalle teorie naturali di Ciampolillo visto che – ricorda Massimo Gramellini – il senatore aspirerebbe addirittura al ministero dell’Agricoltura.

[Fonte: La Stampa]