di Valentina Dirindin 28 Maggio 2019
marco-sacco-portrait

Non ci stupisce troppo che Marco Sacco, chef due stelle Michelin del Piccolo Lago, decida di tentare nuove avventure con un ristorante addirittura ad Hong Kong. Si perché è chiaro che Verbania, il comune piemontese dove si trova il suo scenografico ristorante con vista sul lago di Mergozzo, allo chef è sempre stato stretto.

“Viaggiatore, curioso, esploratore”, si legge come esordio della sua biografia sul sito del ristorante bistellato, e già è chiara la sua voglia di affrontare nuovi orizzonti. Come quando portò in giro, in cima a un food truck (ancora nessuno chef aveva firmato appelli contro i camioncini della ristorazione da strada), la sua carbonara au koque (noi, al Salone del Gusto 2016 a Torino, l’avevamo assaggiata e riassaggiata).

Insomma, è perfettamente in linea con la sua figura professionale un’espansione in Asia, dove il 30 maggio inaugurerà nel rooftop di uno dei grattacieli più importanti, il Cubus, il Castellana restaurant, ristorante d’ispirazione piemontese (sottotitolo del ristorante è “Autehntic Piedmont Cuisine”), dove scommettiamo che prodotti come il Barolo o il tartufo non mancheranno di certo. Sarà Sacco a prenderne in mano la direzione gastronomica, affidando la cucina al giovane chef Enrico Degani, già al suo fianco da un anno al Piccolo Lago.

[Fonte: Il Sole 24 Ore]