di Valentina Dirindin 6 Agosto 2020
pride

Un increscioso episodio viene denunciato da Arcigay Siracusa, che racconta di un ristoratore di Marzamemi che ha insultato due turisti perché omosessuali.

Il fatto sarebbe avvenuto il 31 luglio scorso in un locale del borgo di Pachino. Tre turisti stranieri, a cena in un ristorante in compagnia della loro guida, avrebbero avuto da ridire sul cibo che gli era appena stato servito. I tre avrebbero mosso educatamente qualche critica al ristoratore, relativa sia alla qualità del cibo sia all’ammontare del conto da pagare. Come risposta alle critiche, a quanto denunciano i turisti, il ristoratore li avrebbe insultati, cacciandoli dal locale e apostrofandoli in malo modo perché gay.

“Un fatto increscioso che insulta l’intera comunità Lgbt+ in uno splendido posto come Marzamemi – ha detto la presidente di Arcigay Siracusa, Lucia Scala -. È inaccettabile che un noto ristorante si possa permettere il lusso di insultare per il proprio orientamento sessuale dei clienti che non hanno gradito né la cena né il servizio ricevuto e che il concetto “omofobo” venga ripetuto con ironia anche a seguito di una recensione negativa. Ecco perché c’è bisogno più che mai di una legge a tutela affinché chi si permette di puntare il dito, offendere e schernire degli esseri umani per il proprio orientamento sessuale venga punito”.

[Fonte: La Sicilia | Immagine: Pixabay]