di Manuela 1 Aprile 2020
glovo

Inizia la distribuzione di Glovo di mascherine, guanti e igienizzante ai rider. La nota azienda di food delivery ha cominciato la distribuzione nelle città principali in cui è presente: Roma, Milano e Torino. Successivamente, poi, verranno coinvolte anche le altre città, ma questo dipenderà soprattutto dalle tempistiche di approvvigionamento dei materiali.

Elisa Pagliarani, General Manager di Glovo Italia, ha spiegato che sin dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, la piattaforma si è attivata per informare i corrieri su quali fossero i comportamenti da adottare in base alle disposizioni emesse dalle Autorità Competenti, soprattutto in merito alla questione igienico-sanitaria.

Purtroppo per quanto riguarda la distribuzione dei dispositivi di protezione individuale ci è voluto un po’ a causa dei problemi di rifornimento di questi materiali, cosa che ha provocato le proteste dei rider. In realtà questi DPI sono una misura aggiuntiva a quanto già fatto dalla piattaforma. Fra di essi ricordiamo:

  • attivazione del servizio Contactless Delivery (la modalità di consegna senza contatto sia durante la fase di ritiro che di consegna)
  • i ristoratori devono verificare che i sacchetti siano sigillati e igienizzati prima di consegnargli al corriere. La consegna avviene appoggiando i sacchetti su un supporto, proprio per evitare i contatti fra ristoratore e rider
    al momento della consegna, non è richiesta la firma digitale. Starà al cliente accordarsi con il corriere (tramite telefono o citofono) se farsi portare e lasciare il sacchetto davanti alla porta per evitare contatti fra rider e consumatori
  • invio ai rider di comunicazioni periodiche relative alle procedure di sicurezza e alle precauzioni da adottare. Fra queste spicca in primis il fatto di evitare assembramenti al di fuori degli store. Per questo motivo Glovo ha coinvolto del personale per controllare che venga mantenuta la distanza interpersonale di sicurezza
  • sul canale YouTube di Glovo sono disponibili pullone video in inglese, spagnolo, francese, portoghese, farsi, urdu, hind e aravo per spiegare a tutti i comportamenti da adottare
  • supporto economico per il periodo di quarantena per eventuali rider che dovessero ammalarsi di Covid-19