Maurizio Landini: “Green Pass, le mense aziendali non sono equiparabili ai ristoranti”

Il segretario generale della Cgil Maurizio Landini punta il dito contro l'equiparazione delle mense ai ristoranti.

maurizio landini

Cgil, Cisl e Uil contro il Green Pass nelle mense aziendali. “Consideriamo un errore pensare che le mense aziendali siano equiparabili ai ristoranti”, spiega ai microfoni de “Ma cos’è quest’estate” su Radio24 il segretario generale della Cgil Maurizio Landini.

“Voglio essere chiaro – prosegue Landini – : noi siamo perché le persone si vaccinino, anzi la vera discussione che nel nostro Paese si dovrebbe fare è un’altra. Come prevede la Costituzione di fronte a un’emergenza sanitaria di questa natura, è necessario un provvedimento su un trattamento sanitario che diventi obbligatorio. Ma di questo si devono assumere la responsabilità il governo e il Parlamento. Usare surrettiziamente il green pass nelle mense, quando le persone al lavoro ci vanno senza green pass e poi per mangiare non hanno il diritto se non senza il certificato, è un errore che secondo noi va corretto”.

Landini fa poi l’esempio degli alberghi e dei luoghi di villeggiatura, dove il Green Pass non è previsto, ed è quindi “una contraddizione per cui un lavoratore, che si è fatto una settimana di vacanza in albergo dove non c’era il green pass, torna in azienda e si trova il green pass nella mensa. […] una forzatura perché in questo modo si sta mettendo in discussione il diritto alla mensa e si introducono delle divisioni inutili tra i lavoratori”.

Potrebbe interessarti anche