McDonald’s, cambio al vertice: Ian Borden viene nominato capo delle finanze

McDonald's si prepara ad affrontare alcuni cambi al vertice: Ian Borden sarà il nuovo capo delle finanze, e Marion Gross il chief supply chain officer.

mcdonald's

Cambio al vertice per gli archi dorati: nella giornata di ieri, lunedì 27 giugno, McDonald’s Corp ha nominato ufficialmente Ian Borden, veterano dell’azienda che di fatto può vantare una carriera lunga un trentennio e già presidente delle sue attività commerciali internazionali, come nuovo capo delle finanze. Borden succederà dunque a Kevin Ozan, che di fatto occupava la posizione in questione dal 2015, e che d’ora in avanti si assumerà la responsabilità di guidare le iniziative strategiche del colosso del fast food fino alla sua ormai prossima pensione.

McDonald's

Come accennato in apertura, Borden non è certo un estraneo al mondo McDonald’s: nel corso della sua lunga carriera ha di fatto supervisionato le attività del brand nell’aria dell’Asia e del Pacifico, nel Medio Oriente e in Africa, ed è perfino stato amministratore delegato di McDonald’s Ucraina; mentre assumerà ufficialmente il suo nuovo titolo a partire dal primo settembre. I cambiamenti, però, non finiscono qui: la società ha anche annunciato che Francesca DeBiase, chief supply chain officer, andrà in pensione nel mese di agosto e sarà pertanto sostituita dal capo della catena di approvvigionamento del Nord America Marion Gross. Si tratta di cambiamenti ai piani alti che, di fatto, giungono in un momento storico particolarmente delicato, con i costi che continuano a impennarsi e una generale riduzione dei consumi a causa dell’inflazione galoppante; ma è corretto sottolineare che, a differenza di quanto potrebbe apparire dal “silenzioso” esodo da Starbucks, si tratta di una rivoluzione dettata da semplici uscite per il sopraggiungere dell’età pensionabile.