di Nunzia Clemente 23 Giugno 2016

La Corte d’Appello del tribunale di Torino ha sancito il diritto dei bambini di portare il pranzo da casa e di consumarlo durante gli orari della mensa scolastica.

La battaglia per il “panino libero” era partita da un gruppo di mamme che tre anni fa aveva avviato una causa contro gli aumenti del costo della refezione scolastica.

I giudici amministrativi si erano detti incapaci di decidere sulla legittimità della richiesta rimbalzando la questione al giudice ordinario.

In tribunale l’istanza delle mamme è stata accolta: ogni cittadino ha il diritto di dotare i propri figli del pasto preparato a casa da consumare insieme ai propri compagni negli stessi locali.

 

La sentenza è arrivata a fine anno scolastico ma i problemi, per tutti, sono solo rimandati a settembre. La Corte impone infatti che durante l’orario della mensa sia garantita la presenza di personale educativo senza costi aggiuntivi per le famiglie.

[Crediti | Link: La Repubblica, Foto: La Stampa]