di Manuela 29 Aprile 2020
mercato ittico

Come previsto, la riapertura del mercato ittico di Palermo è stato un flop. Pensate che durante il primo giorno di riapertura sono stati venduti 100 euro di pesce. Pare che i siciliani preferiscano il mercato ittico di Porticello anche per via delle modalità di accesso più facili.

Quello che è successo durante la prima giornata di riapertura ittica del mercato ittico in via Crispi è desolante: solamente un fornitore ha portato il pesce al mercato e solamente un acquirente lo ha comprato (fra l’altro 20 kg di salmone per un totale di 100 euro).

Leopoldo Piampiano, assessore alle Attività produttive, sapeva già che ci sarebbe stato un calo fisiologico, ma di sicuro non a questi livelli. Il problema principale pare che sia stato il nuovo sistema di prenotazioni online lanciato sulla piattaforma del Comune. Per entrare al mercato, infatti, bisogna registrarsi e farsi rilasciare un qr code indispensabile per l’accesso.

Ma il sistema a quanto pare non deve essere piaciuto. Forse troppo macchinoso? Visto il flop, ora i grossisti stanno chiedendo al Comune di rivedere le procedure di accesso per fornitori e commercianti. Bisogna sì rispettare le norme igieniche di sicurezza e evitare gli assembramenti, ma bisogna anche semplificare la procedura di ingresso. E spingono affinché ci si ispiri a quella del mercato di Porticello: pare che molto del pesce destinato al mercato ittico di Palermo stia andando lì.