di Manuela 19 Maggio 2020
miele

Brutte notizie per quanto riguarda il miele: in Lombardia si è registrato un calo del 20% della produzione. Tutta colpa dei bruschi cali di temperatura che si sono registrati in primavera. A dare la notizia è stata Coldiretti basandosi sui dati relativi al monitoraggio della prima produzione regionale.

Questo calo rispetto alla media di produzione è frutto di un inverno caldo e caratterizzato da parecchia siccità, seguito da una primavera in cui si sono avuti diversi bruschi cali della temperatura.

Tuttavia in Lombardia questo calo lo si è avuto a macchia di leopardo. Maggiormente colpite sono le zone dove le gelate hanno danneggiato le piante, limitando così la produzione di miele. Idem dicasi in quelle aree dove le piogge e i temporali di maggio hanno bloccato la fioritura. In tutte le altre zone, invece, la situazione non è così drammatica.

Nonostante ciò, però, gli apicoltori hanno segnalato che c’è stata una certa ripresa delle produzioni in questa prima fase, con un miglioramento rispetto al medesimo periodo del 2019, dove le condizioni climatiche hanno dato il peggio di sé. E in effetti a luglio 2019 si era registrato un -41% nella produzione di miele, sempre per colpa del clima.

La Lombardia vanta circa 160mila alveari fra professionisti e hobbisti, su un totale di 1,5 milioni di alveari in tutta Italia curati da 60mila apicoltori.