di Valentina Dirindin 14 Luglio 2020
carabinieri

A Gazoldo degli Ippoliti, piccolo comune nel Mantovano, 46 persone sono state multate per un assembramento in un bar. Il controllo fatto da parte delle autorità di polizia del Paese, coadiuvate dai colleghi di Piubega, ha infatti riscontrato il mancato rispetto delle normative sul distanziamento interpersonale obbligatorio per il contenimento del Coronavirus. In effetti, l’assembramento era piuttosto rilevante, trattandosi di una piccola località con poco più di duemila abitanti.

Le 46 persone si trovavano all’esterno dell’esercizio pubblico, che era in fase di chiusura ma – dicono le autorità – in molti continuavano a entrare e uscire dal locale per acquistare bevande o per andare in bagno.
L’età dei clienti del locale multati è incredibilmente trasversale: ci sono i sedicenni così come i quarantenni: evidentemente il locale era un punto di ritrovo per la vita notturna del paese, indipendentemente dall’età della clientela.

Nessuno di loro, però, ha addotto alle autorità giustificazioni valide in merito al proprio comportamento, e dunque sono stati tutti multati. I carabinieri della Compagnia di Castiglione delle Stiviere, nel dare notizia delle multe per assembramento, hanno voluto ribadire l’importanza del rispetto delle regole di contenimento del Covid-19, da mantenere fino al “cessato stato di emergenza sanitaria nazionale in atto”.

[Fonte: Gazzetta di Mantova]