di Patrizia Laquale 26 Giugno 2019
nestle

Entro il 2019 Nestlè adotterà sui propri prodotti la famosa etichetta nutriscore, ovvero, l’etichetta a semaforo. Ad annunciarlo è stessa la multinazionale svizzera, attraverso un comunicato stampa: partirà dai Paesi Europei nei quali le autorità sanitarie nazionali già raccomandano il bollino sulle confezioni degli alimenti.

I primi prodotti Nestlè ad avere l’etichetta a semaforo saranno quelli commercializzati in Francia, Belgio e Svizzera, perché, come ha dichiarato il Ceo di Nestlé Europa, Marco Settembri:”Gli europei vogliono sempre di più sapere cosa c’è negli alimenti e nelle bevande che consumano  e noi vogliamo fornire loro queste informazioni rapidamente e facilmente”.

Parliamo di Nutriscore, adottata per la prima volta nel 2013 nel Regno Unito e tanto discussa in Italia: si tratta di apporre sulle confezioni dei prodotti alimentari un’ informazione completa e chiara sul contenuto in calorie, grassi, zuccheri e sale contenuti negli stessi prodotti. Attraverso i colori rosso, verde e arancio, l’etichetta a semaforo indicherà ai consumatori, in modo immediato, l’alto o basso contenuto di uno di questi elementi.

I prodotti col semaforo rosso saranno da evitare, quelli col semaforo arancione da consumare con discreta moderazione, infine il semaforo verde indicherà gli alimenti “sani”.

[fonte: Ansa ]