Swale: ho visto una fattoria galleggiante a New York, e non è un miraggio

Avete mai visto una fattoria galleggiante solcare le acque di un fiume, con il suo carico di frutta e verdura ancora sull’albero e pronte da cogliere? Bene, a New York questo è possibile, come riferisce Bloomberg.

L’idea è di Mary Mattinglly, intenzionata a trovare un rimedio al caro prezzi dei vegetali, che nella Grande Mela costano come gioielli.

L’ingegnosa newyorkese vuole che a coltivare frutta e verdura siano i suoi concittadini, che poi se ne potranno servire liberamente. Ma non potendo essere impiegato il suolo pubblico cittadino a causa di una norma che risale a fine Ottocento, Mattingly ha avuto l’idea di collocare le piante di frutta e verdura su una enorme chiatta galleggiante.

Swale –questo il nome dato alla chiatta– occupa un’area di circa 400 metri quadrati, e ospita sulla sua superficie piante e coltivazioni che si avvalgono dell’energia solare e che impiegano l’acquaponic, una tecnica di coltivazione che sfrutta le feci dei pesci presenti nel fiume per concimare il terreno, creando così un ecosistema virtuoso.

L’accesso alla fattoria galleggiante non è aperto a tutti: solo 75 persone per volta possono salire su Swale, dove alcuni volontari illustrano le caratteristiche della singolare fattoria.

swale fattoria galleggianteswale fattoria galleggianteswale fattoria galleggiante

Ma gli obiettivi dell’ideatrice sono ambiziosi:  Mattingly vuole realizzare un modello di agricoltura sostenibile a vantaggio delle classi disagiate, ma che consenta a tutti i cittadini di accedere anche a un ambiente più sano:

“In alcune zone della città, passano circa 10.000 camion ogni giorno, tutti hanno l’asma e nessuno può avere del cibo fresco, così, invece, la gente può raccogliere frutta e verdure 24 ore su 24”.

Grazie a Swale, Mattingly ha intenzione di arrivare a una modifica del regolamento urbano, in modo da permettere ai newyorkesi di avere disponibili, nelle aree cittadine, frutta e vedura fresche.

“Perché il cibo gratuito e sano non può essere un servizio pubblico, invece che un bene costoso?”, si chiede provocatoria la creatrice della prima fattoria galleggiante.

[Crediti: Bloomberg]

Cinzia Alfè Cinzia Alfè

5 aprile 2017

commenti (0)

Accedi / Registrati e lascia un commento

«