di Marco Locatelli 22 Settembre 2020

Torna l’incubo lockdown per Orune, piccolo Comune di poco più di 2 mila anime in provincia di Nuoro (Sardegna). Dopo l’impennata di contagi registratisi nelle scorse ore, le autorità hanno deciso di attivare una sorta di semi-lockdown.

Con 52 positivi e oltre 150 persone in isolamento fiduciario, gli abitanti del piccolo Comune dovranno chiudersi nuovamente nelle loro case come la scorsa primavera. E così anche bar, ristoranti e negozi dovranno chiudere nuovamente le saracinesche.

La Prefettura di Nuoro e il Comune di Orune hanno deciso, di concerto, questa forte misura ovviamente in via precauzionale. Difficile pensare che questo semi-lockdown durerà molto. Nel frattempo, i cittadini del piccolo paese sardo sono invitati dalle autorità ad uscire di casa solo se strettamente necessario. Allevatori e agricoltori potranno raggiungere le aziende solo uno alla volta.

Il provvedimento verrà messo nero su bianco in un’ordinanza che sarà firmata a breve dal sindaco Pietro Deiana.