di Manuela 13 Dicembre 2019
litigio

Una vicenda di maltrattamenti famigliari che arriva da Palermo: la moglie cucina sofficini surgelati al marito, ma lui l’aggredisce perché voleva il prosciutto. Si potrebbe considerare una storia di ordinaria follia, ma è quanto accaduto in realtà nel capoluogo siciliano.

Tutto è accaduto a Palermo. Una donna cucina al marito come cena dei sofficini surgelati. L’uomo rientra dal lavoro, ha fame, vede che da mangiare ci sono i sofficini e improvvisamente scoppia in escandescenze. Il marito comincia a urlare sostenendo che lui non avrebbe mai e poi mai mangiato quei sofficini e che non li avrebbe mangiati neanche nessun altro. A questo punto prende il piatto e lancia i sofficini per aria.

Marito e moglie cominciano così a litigare furiosamente: il litigio è tale che per sedarlo devono intervenire i Carabinieri (probabilmente allertati dai vicini di casa allarmati dalle urla che provenivano dalla casa della coppia). All’arrivo delle forze dell’ordine, l’uomo si è scusato: ha giustificato la sua reazione spropositata e fuori luogo sostenendo che avrebbe voluto mangiare del prosciutto e degli affettati al posto di quei sofficini surgelati.

Adesso l’uomo è indagato con l’accusa di maltrattamenti aggravati: ad assistere alla lite, infatti, c’erano i tre figli minorenni della coppia.