di Marco Locatelli 20 Giugno 2020

130 primavere per la pasta Divella, pastificio pugliese fondato da Francesco Divella nel 1890 con il primo storico mulino per la macinazione del grano e, oggi, Spa tra le più importanti del settore in Italia. Traguardo celebrato con un francobollo, valido per la posta ordinaria, emesso ieri 19 giugno.

Ed è proprio a Rutigliano, in provincia di Bari, dove ha sede l’azienda, ad essere stato apposto l’annullo primo giorno di emissione.

“Grazie all’impegno quotidiano di 320 dipendenti diretti la Divella – si legge nel bollettino illustrativo dell’emissione – è diventata una realtà produttiva capace di imporsi con determinazione sia sul mercato nazionale, sia sul mercato estero a livello globale. E sono i numeri a parlare chiaro. I molini macinano ogni giorno 1200 tonnellate di grano duro e 400 tonnellate di grano tenero. Il Pastificio produce al giorno circa 1000 tonnellate di pasta secca, 35 tonnellate di pasta fresca, per oltre 150 formati”.

Tra le principali realtà italiane, Divella esporta i suoi prodotti in tutto il mondo, principalmente in Germania, Francia, Inghilterra, India, Giappone, Canada, Usa, Centro America, Sud America e Australia.