di Valentina Dirindin 1 Giugno 2020

Una pasticceria veneta ha regalato al presidente della Regione Veneto Luca Zaia una torta con la sua faccia stampata sopra. Uno Zaia sorridente, che alza un calice (di prosecco, ca va sans dire) per brindare al successo ottenuto contro la pandemia, una mascherina, una bandiera veneta e il grande protagonista del 2002, il Coronavirus. Tutto rappresentato su una torta multipiano con la scritta “Il Veneto riparte, il futuro è ora!”.

Questo capolavoro di cake design, ideato e omaggiato alla presidenza della Regione dalla Pasticceria Dolce Regno di Mogliano Veneto, è stato oggetto di un momento di leggerezza durante una delle conferenze stampa trasmesse via social dal presidente Zaia fin dall’inizio della pandemia.

Manco al suo matrimonio, probabilmente, Luca Zaia ha avuto un taglio della torta così solenne, in diretta video con sorrisi e applausi. I motivi dei festeggiamenti di quel giorno? La diminuzione dei contagi, certo, ma anche lo stop alla Grecia per gli arrivi dagli aeroporti delle Regioni a rischio (Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto) fino al prossimo 30 giugno.

Stop a cui Zaia ha risposto piccato, con un bel “non ci vedrete mai più” (gnegnegne), facendo finta di non considerare che l’elenco con cui la Grecia considera gli arrivi a rischio non viene fatto sulla base delle simpatie personali, ma è semplicemente quello dell’European Union Aviation Safety Agency.