Pesce, la Camera approva la riforma del settore ittico

La proposta di legge quadro è firmata da Giuseppe L’Abbate del Movimento 5 stelle: ora la decisione passa al Senato.

Pesca

La Camera approva la riforma del settore ittico: ora la palla passa al Senato, dopodiché la legge delega sarà definitiva e toccherà al Governo muoversi nell’ambito della legge quadro con un  decreto legislativo. Il deputato autore della proposta, Giuseppe L’Abbate del Movimento 5 stelle, dichiara: “Con 364 voti favorevoli, la Camera ha approvato in prima lettura la mia proposta di legge di riforma del settore ittico. Un provvedimento corposo e atteso dal comparto che mira a incentivare una gestione razionale e sostenibile, incrementare le risorse ittiche, sostenere le attività della pesca marittima professionale e dell’acquacoltura, assicurare un efficace sistema di relazioni tra lo Stato e le regioni, garantire la piena coesione delle politiche in materia di pesca e di acquacoltura. A ciò si sommano interventi di riordino della materia, con notevoli semplificazioni nonché agevolazioni all’accesso ai finanziamenti sino all’istituzione di un fondo per lo sviluppo della filiera ittica con una dotazione di 3 milioni di euro annui”.

Il titolo del disegno di legge è precisamente “Interventi per il settore ittico e in materia di politiche sociali nel settore della pesca professionale. Delega al Governo per il riordino e la semplificazione normativa del medesimo settore”: ora si attende la votazione di Palazzo Madama, dopo l’approvazione di Montecitorio. “La norma ci permette di promuovere la cooperazione e l’associazionismo a cui diamo rilevanza e voce nelle commissioni centrale e locali per la pesca e l’acquacoltura, di semplificare le licenze di pesca, di attuare l’esenzione dell’imposta di bollo, di dare una evidenza chiara in etichetta della data di cattura dei prodotti ittici ai consumatori anche nel canale Horeca. Incentiviamo la ricerca scientifica e tecnologica, nonché la creazione di filiere italiane come nel caso del tonno rosso e aumentiamo, infine, le sanzioni sulla raccolta dei datteri di mare. L’auspicio è che venga presto approvata anche al Senato”.

Potrebbe interessarti anche