Pesce, le sardine del Mediterraneo sono sempre più piccole

Le sardine del mar Mediterraneo sono sempre più piccole e ora si è scoperto il perché: il plancton che mangiano è meno nutriente.

sardine

Che le sardine del Mediterraneo siano sempre più piccole lo si stava notando da anni, ma adesso si è capito anche il perché: dipende da quello che mangiano, cioè dalla minore quantità di plancton presente nel mare. Le sardine sono tra i pesci più pescati al mondo, ma dalla metà degli anni 2000 pescatori e scienziati hanno notato una forte diminuzione delle dimensioni e del peso. Nel Mediterraneo le loro dimensioni sono diminuite in media da 15 a 11 cm, il loro peso da 30 g a 10 g e le sardine di età superiore ai due anni sono scomparse. Queste sardine più piccole e più giovani hanno un valore commerciale molto limitato. Le ricerche effettuate da Ifremer hanno dimostrato che non erano né la pesca, né i predatori naturali (tonni o delfini), né un virus a causarla, ma la loro dieta. Il plancton è meno nutriente, come è stato appena confermato dai risultati del progetto scientifico Mona Lisa.

sardine mediterraneo dimensioni piccole

courtesy Ifremer

“Le immagini satellitari mostrano chiaramente un calo della quantità di microalghe a metà degli anni 2000, fino al 15%. Vale a dire nel momento in cui abbiamo iniziato a osservare la diminuzione delle dimensioni delle sardine”, spiega Jean-Marc Fromentin, ricercatore presso Ifremer a Sète. Questa diminuzione della produzione di plancton potrebbe essere accompagnata anche da un cambiamento delle loro dimensioni: le cellule di plancton sarebbero più piccole e meno energetiche per i pesci che le consumano, come le sardine o le acciughe. Queste modifiche deriverebbero da significativi cambiamenti ambientali regionali, con conseguente diminuzione dei nutrienti portati dal Rodano, cambiamenti nella circolazione atmosferica e oceanica e un aumento complessivo della temperatura di 0,5 ° C in 30 anni.