Pesticidi, la UE dà torto alla Bayer su quelli pericolosi per le api

La Bayer perde il ricorso in sede europea sui pesticidi neonicotinoidi, quelli ritenuti pericolosi per le api.

api

Pesticidi neonicotinoidi, ovvero quelli ritenuti pericolosi per le api: la Bayer perde il ricorso in sede europea, il divieto resta. La Corte di Giustizia dell’Ue ha confermato il bando parziale di tre tipi di insetticidi: il divieto è del 2013, una prima sentenza c’era stata nel 2018, poi l’azienda aveva contestato la decisione in sede giudiziale, ma ha perso.

Bayer continua a sostenere il fatto che i suoi prodotti sono sicuri, e che in altri posti del mondo vengono usati grazie a misure di riduzione del rischio. Un’altra obiezione che viene sollevata dai produttori è che vietando i pesticidi più recenti, i coltivatori ripiegano su quelli più vecchi e meno efficaci, spruzzandone di più.

In verità questi neonicotinoidi sono vietati solo in certi casi, e comunque si consentono deroghe. Secondo la decisione del 2013  non possono essere utilizzati su mais, colza e alcuni cereali primaverili, sì invece su altre colture, come la barbabietola da zucchero. Il motivo è che secondo alcuni dati, in presenza di utilizzo di tre specifici insetticidi, veniva registrato un calo eccessivo nelle colonie di api. In ogni caso, come si diceva, sono previste eccezioni: tra il 2013 e il 2019 sono state concesse 206 autorizzazioni di emergenza.

Plaude Greeenpeace, che tramite il legale Andrea Carta afferma: “La Corte di giustizia ha ribadito che la protezione della natura e della salute delle persone ha la precedenza sugli interessi economici ristretti di potenti multinazionali”.

[Fonte: Agrifoodtoday]