di Luca Iaccarino 15 Gennaio 2018

Meglio tardi che mai: quando è arrivato il New Times a dirci che in Italia c’è un posto magnifico e buonissimo che si chiama Calabria, d’improvviso, finalmente, ce ne siamo accorti in tanti.

Parlo anche per me: nonostante avessi un nonno di Reggio erano vent’anni che non toccavo la punta d’Italia.

[Andate in Calabria dice il New York Times: cose da sapere sui 3 ristoranti consigliati]

Finché ieri un cuoco bravo, intelligente e determinato che risponde al nome di Nino Rossi ha organizzato a Villa Rossi, a Santa Cristina d’Aspromonte, una manifestazione dedicata al maiale, PIG Calabria.

Nino fa parte di una nuova generazione di ristoratori calabresi —il cui volto più luminoso è quello di Caterina Ceraudo– che ha deciso di non indugiare sulle magagne del territorio ma di guardare, semplicemente, avanti.

Alcuni di questi erano a PIG: Luca Abbruzzino, Antonio Biafora, Gennaro di Pace. E con loro tanti trentenni grandi che diventeranno grandissimi: Luciano Monosilio di Pipero a Roma, Diego Rossi di Trippa a Milano, Mauricio Zillo e Francesco Ruggero di A’Mere a Parigi, Giacomo Sacchetto di Casa Perbellini (con loro l’ottimo Angelo Sabatelli: assai bravo, ma a occhio non trentenne).

[Chi è Caterina Ceraudo, la chef donna migliore del 2017 per la Guida Michelin]

A PIG —come nelle frittole— c’erano tutti gli ingredienti che servivano: un gruppo di professionisti giovani, seri e talentuosi; la cucina antica e quella contemporanea; i vini, l’olio e un luogo meraviglioso e segreto come l’Aspromonte.

In due giorni immersi tra i boschi m’è venuta una voglia pazzesca di Calabria: guardando le arance mature sugli alberi, passeggiando tra gli olivi (è stata un’ottima annata), assaggiando i dolci sorprendenti —tra i migliori degli ultimi tempi— della pasticceria di Rocco Scutellà di Delianuova, strafogandomi di suino, mirando il mare all’orizzonte e godendone i frutti (al buon De gustibus di Maurizio Sciarrone, a Palmi).

Rossi ha capito una cosa che tanti —colpevolmente o dolosamente– trascurano: una manifestazione per essere forte non deve essere grossa, deve essere vera.

In un posto vero, con gente vera e cibo vero.

Ormai le occasioni per mangiare piattini a nastro sgomitando per un calice sono un milione; quelle per vivere un luogo, una cultura e una cucina intimamente si contano sulle dita di una mano (penso ad esempio a quelle organizzate da Roberto Petza in Sardegna e invidio chi sia stato a Fuoco! in Sicilia).

[Vi spiego perché Fuoco! è diverso da tutti gli altri festival di cucina]

La Calabria è selvaggia. È potente. È fiammeggiante. E se c’è qualcuno che sa governare l’energia del fuoco, quelli sono i cuochi.

[Crediti | Immagini: Gianluca Calisti]