di Valentina Dirindin 27 Giugno 2020
coronavirus

Sono due i ristoranti chiusi a Fiumicino per l’esplosione di un piccolo focolaio di Coronavirus. I ristoranti appartengono allo stesso proprietario, che è risultato positivo al test per il Covid-19. L’allarme è scattato dopo che un dipendente di uno dei due locali, rientrato dal Bangladesh, è stato trovato positivo.

Dopo di lui, hanno contratto il coronavirus un altro dipendente del ristorante, i due titolari e quattro conviventi del primo positivo, che è attualmente ricoverato allo Spallanzani. Otto dunque in tutto i casi legati a questo nuovo focolaio, che ha portato a eseguire 400 tamponi di controllo per verificare l’eventuale diffusione del virus.

A spiegarlo è la stessa Unità di Crisi COVID-19 della Regione Lazio, in una nota in cui spiega la situazione. “La Asl Roma 3 ha disposto la chiusura di un secondo ristorante a Fiumicino a causa della positività del titolare di entrambi i locali. Dei 400 tamponi eseguiti ieri al drive-in di Casal Bernocchi, 8 sono risultati positivi: 2 titolari del locale, 2 dipendenti e 4 conviventi del paziente del Bangladesh ricoverato ieri allo Spallanzani. Continua l’indagine epidemiologica e l’esecuzione dei tamponi drive-in a Casal Bernocchi. Si raccomanda a tutti i titolari di ristoranti di conservare i contatti degli avventori per facilitare le operazioni di contact tracing qualora si rendessero necessarie ed evitare pesanti sanzioni. La Asl Roma 3 è in costante contatto con il sindaco di Fiumicino”.

[Fonte: Agi]