di Valentina Dirindin 30 Ottobre 2020
sardegna - Ph. Pixabay

Il presidente della Regione Sardegna Christian Solinas annuncia un’ordinanza che posticiperà l’orario di chiusura di bar e ristoranti imposto dall’ultimo DPCm, spostandolo rispettivamente alle 20 e alle 23.

Anche sul sistema della cultura la Regione Sardegna vorrebbe avere un controllo più morbido, lasciando ad esempio aperti i teatri con una capienza al 20% e forse perfino le palestre.

Inoltre, Solinas vuole garantire più controlli a porti e aeroporti, diminuendo i voli e i collegamenti, e diminuire la capienza dei trasporti pubblici, per arginare gli assembramenti sugli autobus. Per convincere il governo ad accettare una svolta meno restrittiva nella regione, Solinas vuole adottare un sistema di misure a griglie, basato sui numeri di contagi e ricoverati ogni 100mila abitanti.

E prevede anche di inasprire i controlli per garantire la sicurezza, mettendo in campo forestali e le compagnie barracellari che dovrebbero coadiuvare le forze dell’ordine operative nei territori.Se si dovesse superare la soglia di guardia, l’amministrazione regionale si impegnerà a tornare sui suoi passi e ad adottare misure più restrittive.

[Fonte: Ansa | Immagine: Pixabay]